Cosa scrivo

Un racconto tra le nuvole

“Un racconto tra le nuvole” di Gina Basso e Riccardo Medici. Ed. Salani – 2005

Tony coglie l’occasione di un lungo viaggio in aereo per raccontare al figlio Alex le avventure che ha vissuto quando aveva la sua stessa età. Fughe, idee “geniali”, baruffe fra ragazzi, delicati sentimenti di affetto per la famiglia ed una amica caratterizzano la narrazione di Tony. Quello che colpisce di più Alex, però, e fornisce molte occasioni di riflessione, è la grande differenza fra l’adolescenza del padre e la sua. La fame, una famiglia numerosa ma accogliente, lo spettro dell’emigrazione scandiscono il racconto di Tanino (così Tony veniva chiamato nella sua terra d’origine, la Calabria, prima di emigrare negli Stati Uniti) e forniscono il quadro vivace e lirico di un’Italia povera, solidale e piena di volontà di riscatto. Il presente di Alex, che vive a New York una vita agiata grazie ai successi del padre emigrante come produttore di giocattoli, è invece segnato dalla mancanza della madre, scomparsa alcuni anni prima, e dalla tragedia dell’11 settembre, che ha colpito anche la loro famiglia e getta una luce sinistra sulla loro quotidianità. Durante il viaggio risulterà evidente come, nonostante le differenze di contesto, è immutato fra i due il profondo attaccamento alla famiglia ed ai suoi valori, e che questo è di grande aiuto nel discriminare la realtà che li circonda

Lettura consigliata ai ragazzi delle classi II e III della scuola secondaria di primo grado

Il libro è stato rieditato da Loescher nel 2014 con alcune modifiche e il nuovo titolo “A tu per tu fra le nuvole”

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...